I Colloqui Fiorentini


"Misterio eterno dell'esser nostro"

I Colloqui Fiorentini ripercorrono, anno dopo anno, i maggiori autori della letteratura italiana. Il titolo “Nihil alienum” è tratto dall’opera dell’autore latino Terenzio “Heautontimoroùmenos”, v. 77: “Homo sum: humani nihil a me alienum puto” (Sono un uomo: nulla di ciò che è umano mi è estraneo). Esso vuol significare l’interesse e la passione che ci muove come insegnanti per l’uomo e la sua avventura, interesse e passione che vogliamo comunicare ai giovani senza censure, né pregiudizi, né schematismi. Quello proposto è un percorso che prevede momenti propedeutici e di lavoro da svolgere in classe, che trovano la loro naturale e imprescindibile conclusione nei tre giorni del Convegno. Il Convegno vuole offrirsi alla scuola come strumento ed occasione di incremento e innovazione dell’attività didattica svolta dagli insegnanti, presentandosi, per essi, come un vero e proprio corso di aggiornamento di alto livello culturale e per gli studenti della scuola secondaria superiore come occasione di promozione e valorizzazione della loro capacità di elaborazione dei contenuti culturali studiati e delle loro capacità espressive.Le alunne Casale Serena e Di Rollo Rita del 4BSU, De Magistris Michela del 5CSU accompagnate dalla prof.ssa Maddalena Vacana hanno partecipato all'edizione di questo anno scolastico.

 

colloqui